di

I curatori della Video Game History Foundation sono riusciti a entrare in possesso di uno degli unici due prototipi di SimCity per NES mai prodotti. Delle due cartucce si erano perse le tracce nel 1991 e oggi, dopo ben 27 anni di oblio mediatico, sono state ritrovate in un negozio della periferia di Seattle.

I curatori del portale ufficiale di The Video Game History Foundation ricostruiscono l'intera vicenda e descrivono la scoperta delle leggendarie cartucce di SimCity per NES come una delle più significative mai effettuate nella storia dell'industria videoludica, specie per quanto riguarda le delicate attività legate alla conservazione e alla libera condivisione delle idee e dei progetti che hanno segnato il passato dell'intrattenimento digitale.

Frank Cifaldi, fondatore della principale fondazione videoludica statunitense e grande appassionato del gestionale cittadino di Will Wright, dopo una ricerca durata mesi afferma infatti di essere riuscito a entrare in contatto con un negoziante di Seattle che affermava di essere possesso delle uniche due cartucce realizzate dal papà di SimCity per mostrare il gioco alla ristretta cerchia di appassionati accorsi in città nel 1991 per assistere a uno show di elettronica.

Una volta rientrato in sede, Cifali ha provato ad avviare il prototipo nella remota speranza di recuperarne porzioni di codice ancora integre ma, con sua enorme sorpresa, ha scoperto che la ROM contenuta nella cartuccia acquistata era ancora perfettamente funzionante.

La collaborazione tra Wright e Shigeru Miyamoto venne concretizzata nell'aprile del 1991 con il lancio della versione di SimCity per Super Nintendo: dell'edizione per NES non se ne fece più nulla. Di conseguenza, la scoperta di questo prototipo funzionante rappresenta una vera e propria minera d'oro per chi cerca di ricostruire la storia dei videogiochi e preservarla per le future generazioni.

Nel video che trovate in apertura d'articolo potete ammirare una video dimostrazione del leggendario prototipo di SimCity per NES.