di

Mentre la community chiede simpaticamente a Massive Entertainment di introdurre una funzione di gioco per poter accarezzare i cani di The Division 2, i "tecnici videoludici" di Digital Foundry realizzano un'analisi conclusiva sulle differenze grafiche sussistenti tra le versioni PC e console dello sparatutto Ubisoft.

Grazie alla certosina opera di ottimizzazione compiuta in questi anni dagli autori di Massive sul proprio motore grafico, lo Snowdrop Engine, l'ultima epopea free roaming degli Agenti della Divisione risulta essere decisamente più stabile e graficamente appagante rispetto a quanto sperimentato da coloro che hanno acquistato al lancio il primo The Division.

Sulla scorta delle analisi compiute da DF, scopriamo infatti come il titolo vanti una grande scalabilità su tutte le piattaforme: su PS4 "base", ad esempio, The Division 2 gira stabilmente a 30fps e a 1080p, così come su Xbox One dove, però, nei frangenti più concitati della battaglia si scende fino ai 936p.

Per quanto riguarda le console mid-gen, su PS4 Pro la risoluzione oscilla dai 3456x1944 pixel ai 2458x1382 pixel, mentre su Xbox One X la risoluzione dinamica non scende mai sotto i 3840x2160 pixel: la versione PC, ovviamente, non ha alcun limite di risoluzione o di framerate e propone un'esperienza grafica più completa e stabile, con un migliore sistema di illuminazione e di occlusione ambientale. Anche il pop-in delle texture risulta essere inferiore su PC rispetto a qualsiasi altra versione console.

Nell'attesa di finalizzare la nostra recensione dello sparatutto di Ubisoft, vi lasciamo in compagnia della video analisi di Digital Foundry e della Guida di Gabriele Ferrara per iniziare a esplorare la Washington di The Division 2.

Quanto è interessante?
8