Esport

Rivelata la Quake Pro League: ESL e FACEIT uniscono le forze

Rivelata la Quake Pro League: ESL e FACEIT uniscono le forze
di

La sezione esport di Bethesda ha rivelato oggi i suoi progetti per la scena competitiva di Quake Champions. Dopo due anni di tornei ed appuntamenti vari, si definisce oggi il primo campionato professionista: la Quake Pro League.

La competizione vedrà la partecipazione di 20 giocatori, dieci provenienti dalla regione Nord America e dieci dalla regione Europea e CIS, la Comunità della Federazione Russa. Il campionato si dividerà tra fasi online e, più dilazionate nel tempo, fasi dal vivo che inizieranno al prossimo QuakeCon 2019, in partenza il prossimo 25 luglio, per concludersi con le finali mondiali al Quake World Championship 2020. Bethesda per l’organizzazione del campionato si appoggerà sia a ESL, leader mondiale nell’organizzazione di tornei esport, che a FACEIT. Plausibile che, per la presenza di ESL, Quake possa quindi tornare a Lucca anche per il 2019 o essere protagonista di una delle tappe dell’Intel Extreme Masters per la stagione 2019/2020.

Ancora nessun indizio invece sui nomi dei giocatori che ne prenderanno parte. Probabili, visti i risultati ottenuti finora nelle passate competizioni, le presenze di giocatori come K1llsen, Cooler, Clawz e Rapha, nomi ampiamenti conosciuti nella scena e protagonisti anche agli Italian Open Championship di Quake a Lucca nel 2017 e 2018.

Le speranze di avere un giocatore italiano ruotano attorno a Marco Ragusa, conosciuto come “Vengeur”, attualmente in forze ai Myztro Gaming, orgoglio dell’esport nazionale e probabilmente tra i migliori 10 giocatori al mondo. Bethesda promette di rivelare il prima possibile chi saranno i giocatori che ne prenderanno parte: per il momento possiamo solo incrociare le dita.

Quanto è interessante?
1
Rivelata la Quake Pro League: ESL e FACEIT uniscono le forze