Alla scoperta dell'arte di Akira "Akiman" Yasuda, designer di Chun-Li e Final Fight

di

Il nome Akira Yasuda (in arte Akiman) potrebbe non dirvi molto ma siamo certi che i suoi lavori vi siano in realtà ben noti. Dietro a questo nome si nasconde infatti uno dei designer più influenti e iconici di Capcom, autore di tanti personaggi della casa di Osaka.

Yasuda inizia la sua carriera in Capcom nel lontano 1986 come designer dello sparatutto Side Arms, in seguoto Akiman inizia a lavorare con Yoshiki Okamoto (all'epoca responsabile dello sviluppo) in produzioni come Forgotten Worlds e Final Fight, quest'ultimo sviluppato insieme ad Akira Nishitani, papà di Street Fighter.

Proprio ad Akiman si devono le atmosfere ed il design dei personaggi di Final Fight, presi di peso dalla cultura americana. Non a caso il designer ha affermato di aver avuto l'idea per il gioco proprio dopo un viaggio negli Stati Uniti. In seguito la coppia Nishitani/Yasuda darà vita a Street Fighter II, semplicemente uno dei picchiaduro più iconici degli anni '90: tra i lottatori ideati completamente da Yasuda citiamo Guile, Blanka, Dhalsim, Honda, Vega/Balrog e Chun-Li. In seguito il nostro si dedicherà al design dei personaggi di giochi come Darkstalkers, Star Gladiator, X-Men Children of the Atom, Power Stone e vari sequel di Street Fighter.

Approfondiamo le opere e la carriera di Akira Yasuda in questo video, buona visione!

Quanto è interessante?
5