Sea of Solitude: la Video Recensione del nuovo gioco EA Originals

di

Realizzato sotto l’etichetta EA Originals, creata per dar risalto alle produzioni indipendenti, Sea of Solitude prova ad inquadrare le emozioni, le sofferenze e le patologie dell’essere umano, cercando anche di bilanciare al meglio sia le esigenze del racconto, sia quelle del gameplay.

Come ci spiega il buon Giuseppe Arace nella nostra recensione di Sea of Solitude in occasione del lancio del titolo su PC, PS4 e Xbox One, il risultato ottenuto dagli autori tedeschi di Jo-Mei è un’avventura piuttosto lineare, dove l’utente è chiamato ad interagire con l'ambiente di gioco, risolvendo semplicissimi puzzle ambientali e superando alcune fasi platform.

A dispetto delle ambizioni che ne hanno accompagnato l'annuncio a fine 2016, insomma, il progetto di Sea of Solitude non ha saputo regalarci quell'esperienza trascinante ed emotiva promessaci dagli sviluppatori teutonici, e questo nonostante l'indubbio fascino di una storia capace di affrontare tematiche mature.

Il viaggio intrapreso da Kay e da chi decide di indossare i panni di questa giovane donna costretta a combattere il demone della solitudine, infatti, pecca in originalità e non riesce a sganciarsi da una ripetitività degli enigmi ambientali e delle azioni da compiere che rende il tutto ancora più monotono, specie in funzione dell'esiguo numero di ore necessarie per giungere ai titoli di coda.

Nella speranza che i ragazzi di Jo-Mei traggano insegnamento da questa avventura per evitare di compiere gli stessi errori con il loro prossimo progetto, vi lasciamo alla nostra Video recensione e, qualora ve lo foste perso, al video gameplay di Sea of Solitude dall'EA Play 2019.

Quanto è interessante?
2