Shenmue 3: Video Recensione 4K del gioco fuori dal tempo di Yu Suzuki

di

A 18 anni di distanza dalla sua ultima avventura, Ryo Hazuki riprende finalmente il suo viaggio in un gioco che, come questo attesissimo Shenmue 3, recupera interamente la formula dei due capitoli precedenti, nel bene e nel male.

L'opera di YS Net che sancisce il ritorno del maestro Yu Suzuki e della sua epopea interattiva, infatti, evita in maniera sistematica di abbracciare le novità ludiche che hanno caratterizzato l'ultimo ventennio per rivolgersi direttamente agli appassionati della serie.

La possibilità di reindossare i panni di Ryo Hazuki rappresenta un vero e proprio miracolo, anche a fronte delle oggettive mancanze sul lato grafico e dell'ormai obsoleto sistema di combattimento: il vero punto di criticità del progetto è però rappresentato dalla scelta, compiuta dagli autori giapponesi, di non approfittare di questo ritorno per concludere in maniera definitiva l'avventura di Ryo.

Di tutti i dubbi lasciatici dalle circa 30 ore necessarie per completare la storia di Shenmue 3, quindi, l'enigma più grande riguarda appunto l'incertezza sulla conclusione dell'avventura, un elemento su cui i fan di lunga data difficilmente potranno soprassedere visto il tempo richiesto per tornare a reinterpretare il proprio eroe videoludico preferito.

Se desiderate approfondire ulteriormente la conoscenza dell'ultimo kolossal ruolistico di Yu Suzuki, oltre alla Video Recensione in 4K che campeggia a inizio articolo vi consigliamo di leggere anche la nostra recensione di Shenmue 3 a firma di Filippo Facchetti.

Quanto è interessante?
4