Sony produrrà ancora indie ma non saranno più una priorità, precisa Schreier

Sony produrrà ancora indie ma non saranno più una priorità, precisa Schreier
di

Alla pubblicazione del nuovo articolo di Jason Schreier sulla testata di Bloomberg, sembrava netta l'intenzione di Sony di abbandonare gli indie e i progetti minori per concentrarsi unicamente sulla produzione di tripla A e titoli dal grande richiamo commerciale.

Nel corso della nuova diretta streaming tenuta sul canale MinnMaxShow, il giornalista ed insider videoludico ha però voluto puntualizzare che le righe apparse nel suo ultimo pezzo sono state mal interpretate. Sony non abbandonerà affatto gli indie - precisa Schreier -, ma semplicemente non costituiranno più un elemento prioritario nelle strategie aziendali del colosso nipponico. Titoli come Concrete Genie di Pixelopus o Dreams di Media Molecule dimostrano come Sony abbia anche recentemente investito in progetti di dimensioni più modeste, e sembra che la compagnia presenterà altri titoli del genere anche in futuro. Tuttavia, il suo impegno sarà prevalentemente incentrato sui grandi kolossal che già hanno fatto la fortuna di PlayStation 4.

La differente gestione delle risorse di Sony appare molto evidente quando ci ricordiamo del brusco ridimensionamento di Japan Studio, la storica software house interna che ha visto molti dei suoi più illustri collaboratori andare via, e che negli ultimi anni si è dedicata a progetti minori o a lavori di supporto per altri studi.

Nel corso del filmato che trovate in cima, Jason Schreier è anche tornato a discutere di The Last of Us Remake per PlayStation 5.

Quanto è interessante?
8