di

La video analisi di Digital Foundry che accompagna l'uscita di Spyro Reignited Trilogy su PlayStation 4 e Xbox One prova a evidenziare le differenze grafiche sussistenti tra il remake di Toys for Bob e Activision con le versioni originarie dei tre capolavori platform dell'era PS1.

Il video confronto realizzato da Digital Foundry testimonia gli sforzi profusi in questo progetto dagli autori della sussidiaria californiana di Activision per regalarci un'esperienza di gioco capace di reggere il confronto con i ricordi legati all'indimenticabili Spyro The Dragon, Spyro Ripto's Rage e Spyro Year of the Dragon, dati alle stampe sulla prima console PlayStation tra il 1998 e il 2000.

Dal punto di vista visivo, l'analisi di Digital Foundry non può che confermare lo straordinario lavoro di "retroingegneria artistica" compiuto dai ragazzi di Toys for Bob per ricreare da zero tutti gli elementi grafici dei capolavori originari per PS1 basandosi solo ed esclusivamente sull'esperienza diretta, impiegando cioè una quantità innumerevole di ore a giocare i tre titoli su una gloriosa PSX per memorizzarne il layout dei livelli, i tratti distintivi delle meccaniche di gameplay, la complessità dei minigiochi, le animazioni dell'iconico draghetto e la posizione esatta dei nemici nella speranza, così facendo, di offrirci un prodotto originale e innovativo al tempo stesso.

Peccato solo per i cali di framerate evidenziati nei momenti più concitati della partita e, soprattutto, per l'impossibilità di aumentarne la risoluzione oltre il limite dei 1440p da parte dell'utenza su PS4 Pro e Xbox One X, anche se gli sviluppatori statunitensi possono comunque superare agilmente questi problemi attraverso la pubblicazione di una patch correttiva.

Spyro Reignited Trilogy è disponibile su PlayStation 4 e Xbox One dal 13 novembre. Su queste pagine potete leggere la nostra recensione a cura di Giuseppe Arace e una guida approfondita firmata da Gabriele Ferrara che ci aiuta a muovere i primi passi nel colorato universo di Spyro in compagnia del nostro amato draghetto viola.

Quanto è interessante?
9