Square Enix vuole fondare nuovi studi dopo averne appena venduti tre

Square Enix vuole fondare nuovi studi dopo averne appena venduti tre
di

Con una mossa a sorpresa, a inizio maggio Square Enix ha venduto tre dei suoi studi di sviluppo occidentali, questo però non vuol dire che la compagnia dismetterà i propri studi interni e anzi punta a fondarne di nuovi, come sottolineato durante l'ultima conferenza con gli azionisti.

Come riportato nei documenti diffusi dal publisher, tra gli obiettivi futuri c'è quello di migliorare la catena produttiva e per farlo potrebbe rendersi necessario "aprire nuovi studi o potenziare quelli esistenti" presumibilmente sia in Occidente che in Asia, dal momento che non viene fatta alcuna distinzione in tal senso.

Square Enix è rimasta scottata dalle performance dei giochi AAA pubblicati negli ultimi dodici mesi, nello specifico Outriders, Marvel's Guardians of the Galaxy, NieR Replicant e Balan Wonderworld non hanno riscosso il successo sperato, così come il rilancio di Marvel's Avengers. I giochi online e gli MMO come Dragon Quest X (non disponibile in Occidente) e Final Fantasy XIV continuano invece a riscuotere un buon successo di pubblico e critica.

La vendita di Crystal Dynamics, Eidos Montreal e Square Enix Montreal ha permesso alla compagnia di incassare circa 300 milioni che verranno reinvestiti nel business dell'intrattenimento, con uno sguardo rivolto anche a progetti blockchain, IA e non fungible token (NFT).

Quanto è interessante?
2