Stadia: il team interno fu elogiato da Google una settimana prima di essere chiuso

Stadia: il team interno fu elogiato da Google una settimana prima di essere chiuso
di

Soltanto pochi giorni fa abbiamo appreso dell'improvvisa chiusura del team interno di Google Stadia, con il colosso di Mountain View che ha deciso di tornare indietro sui suoi passi e cambiare strategia di mercato nel 2021 e negli anni a venire.

Per quanto la notizia avesse già suscitato del clamore dal momento che lo studio interno è stato chiuso a poco più di un anno dalla sua apertura, dei retroscena divulgati da Kotaku fanno suscitare dei dubbi ancora più forti sulla gestione manageriale di Google nei confronti dei suoi sviluppatori interni.

Stando alle fonti anonime che hanno deciso di approfondire la questione, Phil Harrison di Google avrebbe elogiato l'operato del team interno di Stadia poco meno di una settimana prima di comunicarne ufficialmente la chiusura:

"[Stadia Games and Entertainment] ha fatto grandi progressi costruendo un team diversificato e di talento, creando una forte lineup di giochi esclusivi per Stadia", questa la mail del 27 gennaio che avrebbe scritto ed inviato Harrison. "Confermeremo a breve il piano di investimenti per la strategia di SG&E, il che, a sua volta, informerà la divisione SG&E riguardo al 2021 [quindi ad obiettivi e risultati chiave da raggiungere]".

Gli sviluppatori che hanno deciso di unirsi a Stadia si sono visti sfuggire improvvisamente dalle mani il lavoro su cui si erano concentrati da oltre 12 mesi, e vogliono sapere ora il motivo che ha spinto Google a prendere una decisione così tanto inattesa:

"Penso che le persone vogliano sapere soltanto la verità su quello che è successo", ha dichiarato una fonte anonima. “Vogliono una spiegazione dalla leadership. Se hai avviato questo studio e hai assunto un centinaio di persone... Nessuno lo apre per chiuderlo in un anno o giù di lì, giusto? Non puoi fare un gioco in così poco tempo. Abbiamo ricevuto rassicurazioni per molteplici anni, ma ora non più". Al momento Google, raggiunta da Kotaku, ha rifutato di commentare quanto dichiarato dai suoi ex dipendenti.

Anche Jade Raymond, che era al capo di Stadia Games and Entertainment, ha voluto commentare l'accaduto, dichiarandosi fiera ed orgogliosa di quanto è riuscita a raggiungere lavorando a fianco ai suoi ex collaboratori di Google.

FONTE: kotaku
Quanto è interessante?
10