STALKER 2 e la guerra in Ucraina: arriva un piccolo ma significativo cambio di titolo

STALKER 2 e la guerra in Ucraina: arriva un piccolo ma significativo cambio di titolo
di

A 19 giorni dall'inizio dell'invasione, il conflitto tra Russia ed Ucraina continua a catalizzare le attenzioni del mondo e, almeno per il momento, una de-escalation della situazione non sembra all'orizzonte. Ciò si ripercuote inevitabilmente anche sull'industria videoludica ucraina.

Come sappiamo, lo sviluppo di STALKER 2 è stato messo in pausa da GSC Game World, studio con sede proprio a Kiev, capitale dell'Ucraina: gli sviluppatori hanno ben altre priorità da gestire in questo momento cruciale, nella speranza che lo scontro possa finalmente cessare. Nel frattempo, però, gli autori hanno effettuato un piccolo ma significativo cambiamento al sottotitolo di STALKER 2: da "Heart of Chernobyl", infatti, passa ad essere "Heart of Chornobyl", con un'altra "o" al posto della "e".

Il motivo dietro questo cambiamento, visibile nella pagina Steam del gioco, è presto spiegato: "Chornobyl" è il nome che viene utilizzato dal popolo ucraino per riferirsi alla ben nota centrale nucleare, laddove invece "Chernobyl" è la regolare pronuncia russa. In questo modo, quindi, GSC Game World ha voluto ancora una volta sottolineare la sua totale risolutezza contro il conflitto e le sue drammatiche conseguenze.

Con il precipitare degli eventi avvenuto lo scorso 24 febbraio, gli sviluppatori di STALKER 2 e The Sinking City hanno fatto un appello iniziale parlando subito della gravità della situazione. Da allora anche il mondo videoludico ha preso posizione, con diverse software house che hanno interrotto la vendita e la distribuzione dei loro prodotti in Russia.

Quanto è interessante?
12