di

Festeggiata la conclusione della causa contro Crytek, il team di Cloud Imperium confeziona un nuovo video approfondimento su Star Citizen focalizzato sulle meccaniche survival del kolossal sci-fi che, grazie al crowdfunding, può vantare un budget superiore ai 270 milioni di dollari.

Dopo aver discusso del futuro del simulatore spaziale col nuovo video di Star Citizen, gli autori capitanati da Chris Roberts tornano così a esplorare i mondi alieni del titolo per discutere del livello di realismo che sperimenteremo nelle dinamiche survival.

A prescindere dal luogo in cui si troverà il nostro alter-ego, infatti, quest'ultimo non dovrà semplicemente soddisfare i propri bisogni fisiologici inerenti la fame, la sete, il sonno o la temperatura corporea, ma dovrà analizzare con cura tutti i parametri ambientali e le condizioni meteorologiche.

I livelli di umidità e di vento delle stanze, delle astronavi e dei pianeti di Star Citizen, ad esempio, impatteranno sui parametri vitali del personaggio, provocando effetti diretti e immediati come la sudorazione, il battito accelerato del cuore, i brividi di freddo o una visione sfocata, con malus crescenti che arriveranno fino alla morte. Ciascun utente dovrà perciò valutare con attenzione gli indumenti da indossare, il tragitto da compiere e gli equipaggiamenti di cui servirsi, specie decidendo di avventurarsi in luoghi non ancora studiati.

Tutte queste innovazioni di gameplay saranno introdotte gradualmente dal team di Cloud Imperium, nella speranza di affinarne il gameplay in previsione del lancio della versione finale di Star Citizen che, visti i tempi di sviluppo del progetto e i suoi numerosi rinvii, dovrebbe avvenire su PC (e magari anche su PS5 e Xbox Series X) nella finestra temporale che va dal Natale 2020 alla fusione della nostra galassia con quella di Andromeda (prevista tra 4 miliardi di anni...!).

Quanto è interessante?
3