Star Wars Squadrons: epiche battaglie in una galassia lontana, lontana...

di

Con l'arrivo di Star Wars: Squadrons i nostalgici delle battaglie spaziali che hanno deliziato i giocatori degli anni '90 troveranno pane per i loro denti. Il nuovo titolo di EA Motive si propone infatti come l'erede spirituale di X-Wing vs TIE Fighter, il gioiello di game design uscito sugli scaffali nel lontano 1997.

A partire da questa nobile e pesante eredità, gli sviluppatori di EA Motive hanno creato una campagna single player che proietta i giocatori all'indomani di uno degli eventi più significativi della storia di Star Wars: la battaglia di Endor. Dopo la caduta dell'imperatore Palpatine, il grand'ammiraglio Rae Sloane getta le basi per la nascita di quello che sarebbe in seguito diventato il Primo Ordine. Con questi presupposti Star Wars: Squadrons si sviluppa su due line narrative che ci vedono impegnati nei panni di un pilota della Resistenza da un lato e al comando dello squadrone Titan dall'altro.

Il vero cuore della nuova produzione targata Electronics Arts è però nel multiplayer ed è in questo contesto che il DNA di X-wing vs TIE Fighter si fa notare grazie ad un sistema di gestione dei sistemi energetici della navetta ripreso ed evoluto direttamente dallo storico titolo. Star Wars: Squadrons riesce tuttavia a bilanciare accessibilità e profondità del gameplay grazie ad una ricetta a metà strada tra l'arcade e lo space sim.

Oltre al video che trovate all'inizio dell'articolo, sulle nostre pagine potete trovare la recensione di Star Wars: Squadrons a cura di Alessandro Bruni, accompagnata dagli approfondimenti sul nuovo titolo ambientato nella galassia di Star Wars.

Quanto è interessante?
2