The Last of Us 2: Neil Druckmann pubblica un lungo messaggio per i fan

The Last of Us 2: Neil Druckmann pubblica un lungo messaggio per i fan
di

Dopo uno sviluppo non privo di difficoltà, The Last of Us Parte 2 è finalmente arrivato sugli scaffali di tutti i negozi e, per festeggiare, il game director del gioco, Neil Druckmann, ha pubblicato un lungo post sul blog ufficiale PlayStation.

Ecco di seguito le toccanti parole dello sviluppatore:

"Queste parole hanno richiesto anni di lavoro: The Last of Us Parte 2 è disponibile!

Quando abbiamo deciso di fare questo gioco, sapevamo che sarebbe stato un rischio. Siamo fortunati poiché molti di voi hanno apprezzato il primo capitolo. Questi personaggi e le loro storie significano molto per noi e, come sappiamo molto bene, anche per molti di voi. Ecco perché non abbiamo preso a cuor leggero la decisione di ritornare in quel mondo per raccontare un'altra storia. Infatti abbiamo discusso a lungo fino a quando non abbiamo scelto la storia che più ci ispirava tra i concept proposti dal team. Ci sembrava una trama emozionante e coerente con il mondo di The Last of Us e, cosa ancor più importante, ci è parsa essere una storia che andava raccontata.

Ad una prima occhiata potrebbe sembrare la classica 'revenge story', ma proseguendo nell'avventura emergeranno dei temi molto più profondi. Si tratta di una storia legata all'ossessione e a ciò che siamo disposti a fare per le persone amate e per la giustizia. Quando è meglio lasciar perdere? Cosa siamo disposti a sacrificare? Questo è un racconto che parla di traumi, redenzione ed empatia.

Sette anni fa abbiamo creato un videogioco che ha esplorato questi temi spinosi. Da quel momento, centinaia di sviluppatori di talento hanno dedicato la propria passione per concretizzare questa visione.

Abbiamo creato una storia fortemente legata ad un personaggio, concentrandoci su scelte difficili. Avendo vissuto con loro queste esperienze, speriamo che riderete, piangerete e sentirete il dolore nei momenti più complessi, che abbiamo creato proprio per emozionarvi. Speriamo anche che questo gioco possa ispirare anche in voi il dibattito filosofico che ci ha coinvolti durante lo sviluppo.

Da parte di tutto il team di Naughty Dog vi ringraziamo per aver preso parte a questo viaggio.

-Neil"

Prima di salutarvi, vi ricordiamo che sulle nostre pagine potete trovare la recensione di The Last of Us Parte 2 a cura di Francesco Fossetti.

Quanto è interessante?
30