The Last of Us Parte 2: Neil Druckmann racconta alcune delle scene tagliate (SPOILER)

The Last of Us Parte 2: Neil Druckmann racconta alcune delle scene tagliate (SPOILER)
di

In una recente intervista a Indiewire, Neil Druckmann e Halley Gross hanno svelato alcuni dettagli su The Last of Us Parte 2 ed in particolare sui cambiamenti subiti dalla trama nel corso del tempo, con tanto di scene completamente eliminate (occhio agli spoiler).

Halley Gross ha infatti raccontato come inizialmente i giorni totali in quel di Seattle dovevano essere ben 5, invece dei 3 effettivamente inseriti nella versione definitiva di The Last of Us Parte 2. Neil Druckmann invece ha descritto un particolare della figura di Joel, che in un primo momento prevedeva la presenza di una fidanzata che avrebbe completamente cambiato il finale: "Nella sequenza della fattoria, potete trovare una voce del diario di Ellie in cui scrive dell'uccisione di un cinghiale e di come questo la fa sentire. Abbiamo girato queste scene. C'è stata un'intera sequenza giocabile della caccia ed era fantastica ma abbiamo pensato che per scopi di produzione fosse meglio rimuoverla. La cosa era fatta e Ashley ha dato una grande prova di interpretazione sull'uccisione del cinghiale e tutto il resto".

Druckmann ha persino parlato di una delle scene principali del gioco e di come in origine Joel avrebbe dovuto gridare il nome della figlia Sarah. L'attore Troy Baker ha però suggerito di fare la scena senza questa particolare parte e così è stato.

Insomma The Last of Us Parte 2 avrebbe potuto offrire molte possibili variabili. Le scelte della produzione hanno portato a molte polemiche, segno del coraggio di Naughty Dog. Prima di lasciarvi vi ricordiamo che nel nostro ultimo video abbiamo parlato del fenomeno del review bombing per TLOU2.

FONTE: indiewire
Quanto è interessante?
9