Esport

Troppe restrizioni per i tornei di Apex Legends: è rivolta dei pro player

Troppe restrizioni per i tornei di Apex Legends: è rivolta dei pro player
di

Dopo aver raggiunto 50 Milioni di utenti attivi in appena un mese grazie alla pubblicità massiccia di streamer e personalità del gaming, Apex Legends è diventato indubbiamente il nemico pubblico numero uno di Fortnite, raggiungendo tutte le vette delle classifiche di popolarità precedentemente detenute dal titolo Epic Games.

Una presenza costante tra gli streaming su Twitch e nelle preferenze dei gamer che, tuttavia, è durata relativamente poco: la prima causa è da ricercare nell’offerta del primo Battle Pass, ritenuto insoddisfacente dai numerosi fan della prima ora.

Tuttavia, come spesso accade, erano e sono già numerose le organizzazioni che hanno deciso di investire nella scena competitiva di Apex Legends ingaggiando giocatori e influencer del titolo targato Respawn Entertainment, seppure l’azienda non avesse ancora alcun piano ufficiale per la componente esport del videogioco.

Allo stato attuale i tornei sono a cura di terze parti che organizzano eventi e competizioni: organizer che fino ad ora hanno avuto sufficiente campo libero, trovando anche l’apprezzamento dei partecipanti. Una situazione che si è conclusa con il recente annuncio della divulgazione delle linee guida obbligatorie dettate da Electronic Arts in merito all’organizzazione di tornei dedicati ad Apex Legends.

La più importante riguarda il tetto massimo consentito per i montepremi: 10.000 Dollari all’anno. Una cifra sostanzialmente ridicola e lontana dalla realtà della scena competitiva. Sono cifre che avrebbero fatto strabuzzare gli occhi dieci anni fa ma nell’era dei montepremi milionari risultano certamente non adeguate.

Una seconda restrizione riguarda poi l’impossibilità di trasmettere i tornei sui canali televisivi tradizionali, mentre sono fatti salvi i nuovi media come Twitch, Youtube, Facebook e i loro “colleghi”. Anche i broadcaster, però, hanno un limite: il ricavo massimo che possono ottenere dalla commercializzazione si attesta anch’esso a 10.000 Dollari.

Limiti che non hanno affatto incontrato il favore dei giocatori professionisti. Non perché va a inficiare direttamente i loro interessi, ma perché colpirebbe duramente la forza di attrazione dei tournament organizer e la loro fonte di sostegno, ovvero montepremi e ricavi, influenzando i videogiocatori.

Chris “Bixle” Dunbar, tra le personalità più conosciute di Apex Legends, ha definito le nuove regole come “lanciare agli organizzatori degli eventi community un osso e nulla più.

Ancora più lapidario Alex “AlexJJ” Campbell, giocatore dei Rogue: “Come distruggere il proprio gioco.

Il futuro di Apex Legends, così florido all’apparenza dopo il primo mese, sembra oggi appeso a un filo. EA ha fatto un ottimo lavoro nella pubblicizzazione del titolo ma avrebbe probabilmente adesso bisogno di esaminare per bene i perché del proprio successo, riportando su Apex quell’atmosfera che si respirava nei primi giorni di vita della creatura targata Respawn.

Quanto è interessante?
3

Apex Legends

Apex Legends
Aggiungi in Collezione
  • In Uscita su
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • PS4 Pro
  • Xbox One X
  • Date di Pubblicazione
  • Pc : 04/02/2019
  • PS4 : 04/02/2019
  • Xbox One : 04/02/2019
  • PS4 Pro : 04/02/2019
  • Xbox One X : 04/02/2019
  • Genere: Azione
  • Sviluppatore: Respawn Entertainment
  • Publisher: Electronic Arts
  • Pegi: 16+
  • Lingua: Tutto in Italiano
  • Sito Ufficiale: Link
  • +

Che voto dai a: Apex Legends

Media Voto Utenti
Voti: 192
7.7
nd