Troppi aiuti nei videogiochi moderni? Le scale gialle di RE4 Remake scatenano il dibattito

Troppi aiuti nei videogiochi moderni? Le scale gialle di RE4 Remake scatenano il dibattito
di

Separate Ways, l'ottimo DLC di Resident Evil 4 Remake, è finito al centro di un acceso dibattito che sta coinvolgendo chi, prendendo spunto dal dettaglio delle scale colorate di giallo, ritiene che i videogiochi moderni stiano diventando troppo facili o 'irrealisticamente accessibili'.

Alla discussione che coinvolge i fautori e i detrattori di questa teoria stanno partecipando anche diversi sviluppatori, molti dei quali ritengono che la community si stia dividendo sul tema della difficoltà dei videogiochi senza tenere minimamente conto dei profondi cambiamenti che hanno interessato l'intero settore nel corso di questi anni.

A tal riguardo è intervenuto Damion Schubert: il Creative Director di Boss Fight Entertainment spiega che il realismo dei videogiochi moderni rende sempre più necessario il ricorso a "segnali visivi più irrealistici. L'esempio più ovvio è quello rappresentato da un videogioco iperrealistico ambientato all'interno di un ospedale, con il vostro personaggio all'interno di un corridoio pieno di porte ma con solo una di esse che funziona. Ecco, in una situazione simile mi spiegate come fa uno sviluppatore a segnalare che quella porta è l'unica con la quale si può interagire? Beh, ci sono tanti modi per risolvere questo problema ma nessuno di essi contribuisce a rendere il gioco più realistico o 'difficile', e così si finisce con lo scegliere la soluzione più semplice, ovvero aggiungere una luce verde su quella porta. O una vernice gialla su una scala, appunto".

Alla discussione ha partecipato anche Alex Rushdy: il CEO di 13AM Games si è soffermato su un altro aspetto fondamentale della moderna industria del gaming, ossia sull'esplosione demografica della popolazione videogiocante (specie dopo l'avvento degli smartphone) e sulla necessità di ricorrere in maniera sempre più frequente e 'diretta' agli aiuti ingame per garantire la massima accessibilità. Rushdy prende spunto proprio dal dibattito sulle scale gialle di RE4 Remake per ricordare come "una volta presentammo la demo del nostro platform 2D ai visitatori del PAX. Beh, quella volta abbiamo dovuto spiegare a più di un adulto come tenere il controller per giocare, visto che alcuni lo impugnavano al contrario".