Trump: l'aumento delle tasse d'importazione potrebbe far crescere i prezzi delle console

Trump: l'aumento delle tasse d'importazione potrebbe far crescere i prezzi delle console
di

Come ormai ben saprete, in questi giorni non si parla d'altro che della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che sta creando non pochi problemi a colossi dell'elettronica come Huawei.

Sembra però che in futuro possano essere coinvolti dall'aumento delle tasse sui beni d'importazione anche aziende che si occupano della produzione di hardware legato ai videogiochi come Microsoft, Sony e Nintendo. I tre colossi dell'industria videoludica producono infatti le proprie console in territorio cinese e, se il provvedimento richiesto da Donald Trump dovesse essere approvato, verrà applicata una tassa del 25% sull'importazione al posto di quella attuale, pari al 10%.

Una situazione del genere non potrebbe far altro che costringere i grossi nomi in questione a far lievitare i prezzi dell'hardware (quindi parliamo non solo di console da gioco ma anche di accessori come il PlayStation VR o i vari controller), creando così non pochi problemi per i videogiocatori di tutto il mondo. Non è inoltre da escludere che tutto ciò possa avere un impatto sul prezzo di lancio delle attesissime PlayStation 5 e Xbox Scarlet, attese sul mercato nel corso del 2020.

Ad esprimere la propria opinione sul possibile aumento delle tasse è arrivata anche l'Entertainment Software Association:

"L'industria dei videogiochi vanta già un'eccedenza commerciale per quello che riguarda l'economia americana. Queste tasse non faranno altro che arrecare danno all'economia americana, alle sue industrie e ai consumatori."

Non ci resta quindi altro da fare che incrociare le dita e attendere il prossimo 17 giugno 2019, data nella quale potremmo scoprire l'esito di questa richiesta. Nel caso in cui dovesse esserci inoltre un'approvazione, l'aumento delle tasse entrerà in vigore a partire dal 24 giugno 2019.

FONTE: GameDaily
Quanto è interessante?
13