Ucraina, industria del videogioco in aiuto: Bungie, Techland e altri a sostegno del Paese

Ucraina, industria del videogioco in aiuto: Bungie, Techland e altri a sostegno del Paese
di

Mentre Ubisoft offre concreto aiuto agli sviluppatori dell'Ucraina, molti altri attori del mondo dei videogiochi si stanno muovendo nella medesima direzione.

Gli autori dei Guardiani di Destiny 2, ad esempio, hanno deciso di dedicare risorse finanziarie all'assistenza alla popolazione colpita dall'atto d'invasione avviato dalla Federazione Russa. Con un messaggio pubblicato sui social, la dirigenza di Bungie ha confermato che tutti i proventi derivanti dalle prime 48 ore di attivazione della campagna Game2Give saranno destinati al supporto umanitario in Ucraina. "I nostri cuori sono con i nostri amici e le famiglie colpite dagli eventi in Ucraina", ha dichiarato la software house, che ha poi invitato i giocatori a offrire sostegno diretto ad associazioni quali Direct Relief, Voices of Children e International Rescue Commitee.

Dalla Polonia, arriva inoltre la solidarietà del team di Techland. In un momento in cui moltissimi profughi di guerra stanno superando il confine con il Paese europeo, gli autori di Dying Light 2: Stay Human si sono attivati per contribuire ad offrire accoglienza ai propri vicini. In aggiunta, il team ha donato oltre 200.000 euro a PAH, una ONG con sede in Polonia e attiva nel settore umanitario.

Da parte sua, il publisher Raw Fury ha espresso il proprio supporto alla causa, annunciando una cospicua donazione alla Croce Rossa Ucraina. Anche in questo caso, il team ha fatto appello all'empatia dei giocatori e alla necessità di offrire supporto concreto ai vicini europei, facendo, laddove possibile, almeno una piccolo contributo. Anche il publisher tinyBuild sta agendo per offrire aiuto, almeno entro i confini del settore, aiutando gli sviluppatori ucraini e le relative famiglie a lasciare il Paese o a raggiungerne almeno il settore occidentale.

E mentre gli autori di 11-Bit devolvono le vendite di This War of Mine all'Ucraina, dal team e-sport di NAVI arrivano durissime testimonianze. "La Russia ha attaccato l'Ucraina. - scrivono i giocatori - E ora ci sono scontri che stanno prendendo vite umane e distruggendo il futuro delle persone sul territorio del nostro Paese. È impossibile fare finta che tutto vada bene nel mezzo di una simile guerra. Non è così. Siamo devastati. Al momento, il nostro obiettivo principale è cercare di restare calmi e prenderci cura di noi, dei nostri cari e di chiunque abbia bisogno di aiuto. Stiamo affrontando tutto questo insieme. E ne usciremo insieme".

Quanto è interessante?
5