Unreal Engine 5: i giochi graficamente più ambiziosi in uscita. Promettono bene!

Questi giochi in Unreal Engine 5 spaccano graficamente
Speciale: Multipiattaforma
di

Negli ultimi tempi sono aumentati drasticamente i team di sviluppo che hanno iniziato a lavorare con l'Unreal Engine 5, ultima iterazione del motore firmato Epic Games che permette anche a piccoli studi di ottenere risultati notevoli dal punto di vista grafico. Scopriamo quali sono le produzioni più promettenti tra quelle in arrivo.

Senua's Saga Hellblade 2

Quando si parla di titoli ambiziosi dal punto di vista grafico e che fanno sfoggio dell’Unreal Engine 5, è impossibile non citare Senua's Saga: Hellblade 2. Il sequel dell’acclamata avventura ad opera di Ninja Theory promette davvero bene e dal poco materiale mostrato - onde evitare qualsivoglia anticipazione sull’intreccio narrativo - sembra che si tratti di una delle produzioni dal comparto grafico più impressionante tra quelle in arrivo. Complice la linearità del titolo, che permette di spingere l’acceleratore sulla qualità visiva, la seconda parte della storia di Senua potrebbe essere il videogioco con la grafica migliore del 2024. Fortunatamente non manca molto per scoprire se sarà davvero così, visto che il gioco arriverà il prossimo 21 maggio 2024 su PC e Xbox Series X|S, oltre che su Game Pass.

ILL

Ve ne abbiamo parlato a più riprese: ILL è uno dei titoli più interessanti tra quelli che fanno uso dell’Unreal Engine 5. Per chi non lo sapesse, si tratta di un survival horror con visuale in prima persona particolarmente disturbante a causa dell’elevato dettaglio grafico, che permette di osservare ogni particolare delle mostruose creature che ci daranno la caccia. Ciò che rende particolare ILL non è solo la qualità visiva, che sembra davvero elevata, ma anche e soprattutto la promessa di un combat system molto realistico. Stando a quanto dichiarato dal team di sviluppo, le armi avranno comportamenti molto credibili e il loro effetto sui corpi delle creature varierà in base al punto colpito: potremmo ad esempio colpire un arto per impedirgli di attaccare o staccargli una gamba a suon di piombo per rallentarlo. Pare inoltre che i nemici reagiranno in modo verosimile agli attacchi e potrebbero persino cadere al suolo agonizzanti, rendendo l’esperienza poco adatta a chi non è dotato di uno stomaco forte. Certo, il team di sviluppo ha tutto da dimostrare, ma è innegabile che un prodotto con queste caratteristiche non può che catturare la nostra attenzione e non vediamo l’ora di poterci mettere le mani sopra. Per saperne di più sul gioco, vi rimandiamo alla nostra anteprima di ILL.

ARC Raiders

Un altro gioco il cui comparto grafico è degno di nota è Arc Raiders, uno dei vari progetti in sviluppo presso Embark Studios, il team noto soprattutto per aver dato i natali al recente The Finals. Ambientato in una Terra del futuro in cui una pericolosa minaccia robotica ha preso il sopravvento sull'umanità, il titolo stupisce per il sapiente uso dell'Unreal Engine 5, grazie al quale sfoggia una qualità grafica molto alta al netto degli scenari ampi e liberamente esplorabili. A contribuire non è solo la qualità dei modelli di personaggi e robot, ma anche il sistema di illuminazione che rende tutto ancora più realistico. Bisognerà vedere se la grafica spaccamascella vista nei filmati mostrati fino ad ora sarà la stessa che troveremo al lancio del gioco, che potrebbe essere ancora lontano. Vi ricordiamo infatti che ARC Raiders ha subito un’importante modifica in corso d’opera e, sebbene resti un free to play, arriverà sul mercato sotto forma di extraction shooter PvPvE e non come uno shooter cooperativo come previsto inizialmente.

Metal Gear Solid 3 Snake Eater Remake

Sappiamo già che Metal Gear Solid 3: Snake Eater Remake non stupirà i giocatori sul fronte ludico (sebbene il gameplay non si sia mai visto e potrebbe riservarci qualche sorpresa), poiché che la stessa Konami ha confermato che Virtuos si limiterà ad aggiornare il capolavoro di Hideo Kojima dal solo punto di vista tecnico. Ed è proprio la grafica di questa riedizione del gioco che stupisce, poiché viene sfruttato l’Unreal Engine 5 per riprodurre le mappe ed i personaggi che abbiamo adorato su PlayStation 2 e che nel remake sfoggiano un livello di dettaglio davvero elevato. I pochi secondi di trailer mostrati dall’azienda nipponica sono più che sufficienti a darci un’idea di quella che sarà la grafica del gioco e, a meno che non vi siano downgrade, sarà davvero uno spettacolo rivivere la storia che ha portato Naked Snake a diventare il leggendario Big Boss.

Instinction

A chiudere il cerchio troviamo Instinction, un titolo che si mostra raramente ma che ad ogni comparsa riesce in qualche modo a stupire il pubblico grazie alla sua grafica. Per chi non lo conoscesse, Instinction è uno sparatutto in prima persona ambientato in un open world. Il gioco è in sviluppo presso Hasbane e viene considerato spesso e volentieri un erede spirituale di Dino Crisis, principalmente per via della presenza di dinosauri ed armi da fuoco. Come dicevamo, però, è soprattutto per via del comparto visivo che il gioco è riuscito ad ottenere una certa popolarità, visto che l’ausilio dell’UE5 ha permesso agli sviluppatori di realizzare scenari molto definiti e modelli dei dinosauri incredibilmente dettagliati, che stupiscono anche perché presentano le caratteristiche che dovrebbero avere secondo la scienza e non si rifanno agli stereotipi visti al cinema. Se volete saperne di più sul gioco, sappiate che sulle pagine di Everyeye trovate un'anteprima di Instinction.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi