di

Le indubbie qualità grafiche delle prime demo di Unreal Engine 5 sono la plastica rappresentazione delle eccezionali potenzialità del nuovo motore grafico di Epic Games. In quest'ottica rientrano anche i test condotti dal team di MAWI United con la loro mappa che ricrea una foresta iperrealistica.

Gli sviluppatori di MAWI realizzano asset grafici da rivendere nella sezione del Marketplace di Epic Store per creatori di contenuti, da qui i test intensivi che stanno conducendo dall'inizio della fase Early Access di Unreal Engine 5.

Oltre all'incredibile video che trovate in cima alla notizia, i ragazzi di MAWI United forniscono anche un resoconto dettagliato delle attività che stanno svolgendo con UE5: nei pochi giorni di utilizzo dell'editor del motore grafico di Epic, sono già riusciti ad abilitare il sistema Nanite in ogni mesh statica della mappa della foresta e integrare il sistema di illuminazione nextgen Lumen per elevare ulteriormente il realismo della scena digitale grazie al Ray Tracing. A tal proposito, il team di MAWI rimarca l'estrema facilità con cui è stato possibile abilitare le nuove Virtual Shadow Maps di UE5 e riuscire, così facendo, a generare delle ombre avanzate per ogni singolo modello poligonale collocato nello scenario.

Allo stato attuale, la mappa viene eseguita da una GPU NVIDIA GeForce RTX 2080 a 30fps e 1080p, al massimo livello di dettaglio e senza interventi di ottimizzazione (il livello della foresta utilizzato per questi test è stato creato su Unreal Engine 4). Da qui alla conclusione dell'Early Access di Unreal Engine 5, prevista per il 2022, assisteremo di certo a delle migliorie prestazionali, specie in funzione del lavoro che sta svolgendo Epic con il Temporal Super Resolution di UE5 e gli ingenti investimenti di AMD e NVIDIA sulle tecnologie di upscaling in deep learning come l'ormai celebre DLSS.

Quanto è interessante?
4