V1 Interactive non ce l'ha fatta: lo studio di Disintegration chiude i battenti

V1 Interactive non ce l'ha fatta: lo studio di Disintegration chiude i battenti
di

V1 Interactive non è riuscita a sopravvivere al disastro commerciale di Disintegration: lo studio di Marcus Letho, il papà di Halo, ha definitivamente chiuso i battenti dopo cinque anni di attività e un unico gioco all'attivo.

Diretto proprio da Lehto, Disintegration è stato lanciato del giugno dello scorso anno faticando ad ottenere il consenso della critica e del pubblico, che lo ha ben presto abbandonato. I server del multigiocatore sono stati chiusi nel giro di appena tre mesi, ed oggi arriva la notizia peggiore: "Ci dispiace informarvi che V1 sta ufficialmente chiudendo. Vogliamo ringraziare tutte le persone talentuose di V1, sia passate che presenti, che hanno contribuito a rendere questi cinque anni magnifici. Un sentito ringraziamento va anche alla straordinaria community che ci ha supportato".

Marcus Lehto ha assicurato che i membri dello studio non verranno lasciati senza un lavoro da un momento all'altro, e che verrà concesso loro del tempo per trovare un nuovo impiego: "Alla V1 Interactive la nostra priorità è il benessere dei nostri dipendenti. Siamo stati chiari con loro per mesi e la decisione la stiamo prendendo solo adesso, in modo che possano cercare un nuovo lavoro mentre vengono supportati dal nostro studio".

Lo scorso 30 dicembre, nel salutare l'annata alle spalle, Lehto ha confessato che il 2020 è stato il punto più basso della sua carriera ultraventennale, e che il fallimento di Disintegration, giunto nonostante l'accoglienza calorosa riservatagli alla Gamescom, al PAX e agli eventi con la stampa, gli ha spezzato il cuore. Il team stava già lavorando a tanti contenuti e miglioramenti per Disintegration, ma la storia è stata implacabile e nulla di tutto ciò ha visto mai la luce.

Quanto è interessante?
7