Da Vampire Survivors a Slaps and Beans: Top 5 migliori videogiochi italiani

Top 5: i migliori videogiochi made in Italy
Speciale: Multipiattaforma
di

Chi ha detto che in Italia non sappiamo fare i videogiochi? L'industria dell'intrattenimento nostrana ha sfornato alcune delle esperienze videoludiche più importanti dell'intero settore. Eccovi allora la nostra Top 5 dei titoli italiani più rappresentativi degli ultimi anni.

Tra le produzioni italiane che hanno saputo ritagliarsi un grande spazio con riconoscimenti a livello internazionale e vendite stratosferiche troviamo Vampire Survivors: al netto di una grafica in pixel art che definire 'spartana' sarebbe un pallido eufemismo, il roguelike di Luca 'Poncle' Galante ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo con la semplicità del suo gameplay e, soprattutto, con la grande soddisfazione restituitaci nel falciare orde infinite di creature demoniache, con centinaia di equipaggiamenti e abilità da sbloccare per esorcizzare i mostri al servizio dello sfuggente Bisconte Draculò.

Mentre Vampire Survivors si espande nello spazio con un aggiornamento gratis che s'accompagna a tanti altri update e da qualche DLC ben congegnato, il progetto portato avanti dal team di Ovosonico con Last Day of June ci porta a esplorare il lato più intimistico delle avventure narrative con una storia incentrata su Carl, un uomo che, schiacciato dal dolore per la perdita dell'amata June, scopre di poter rivivere gli ultimi momenti di sua moglie attraverso i suoi quadri nella speranza di riuscire, così facendo, a salvarla.

Ben più scanzonate sono invece le atmosfere di Slaps and Beans, l'hack 'n' slash in due episodi di Trinity Team che ripercorre le mirabolanti avventure vissute da Bud Spencer e Terencenei film più iconici del dinamico duo di attori italiani. Un viaggio nei ricordi, e un tuffo a suon di schiaffoni e dune buggy nella nostalgia, che potete proseguire leggendo la nostra recensione di Slaps and Beans 2.

Nella Top 5 dei videogiochi italiani più importanti degli ultimi anni troviamo anche un'esperienza tripla A a tinte nintendiane: ci riferiamo ovviamente a Mario + Rabbids Sparks of Hope, l'avventura strategica di Ubisoft Milano diretta da Davide Soliani che unisce le dimensioni di Super Mario e dei Rabbids in un multiverso di divertimento, con tantissime sfide da completare sullo sfondo di una campagna principale piena di colpi di scena e di squisite ambientazioni da ammirare su Switch.

Ultimo, ma decisamente non per ordine di importanza, troviamo poi Assetto Corsa, il racing sim di Kunos Simulazioni che restituisce a schermo un'esperienza estremamente settoriale ma caratterizzata da un livello qualitativo a dir poco eccelso, merito di un modello di guida accuratissimo e di un comparto tecnico che, nonostante gli anni trascorsi e un budget non paragonabile ai simcade e ai simulatori automobilistici più blasonati, è comunque in grado di rivaleggiare con le produzioni più attuali. E voi, cosa ne pensate del panorama videoludico italiano? Fatecelo sapere con un commento dopo aver ammirato il nostro ultimo video speciale!

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi