Videogiochi senza frontiere: SIFU si gioca anche con i piedi

Videogiochi senza frontiere: SIFU si gioca anche con i piedi
di

Con l'introduzione di ulteriori livelli di difficoltà in SIFU, il team di SloClap ha reso la sua apprezzata avventura a base di kung-fu maggiormente accessibile.

Un tema sempre più caro alla platea videoludica, con sempre più sviluppatori che si preoccupano di rendere le proprie produzioni fruibili anche da appassionati con disabilità. Un esempio ne è il lavoro magistrale compiuto da Naughty Dog con le opzioni di The Last of Us: Parte II, con l'epopea di Ellie in grado di adattarsi ad un ampio range di esigenze del pubblico.

Un pubblico che può peraltro dimostrarsi particolarmente determinato nel superare le eventuali barriere ancora non abbattute dallo sviluppo videoludico. Ne è un esempio un giocatore alle prese proprio con SIFU, che ha voluto condividere la propria esperienza con la community. Tramite il post Reddit che trovate in calce a questa news, l'utente ha infatti mostrato come sia incredibilmente riuscito a padroneggiare il combat system del titolo controllando il pad con la mano destra e il piede sinistro, superando così un ostacolo rappresentato dalla propria condizione fisica.

Un risultato incredibile, che cogliamo come spunto per ricordare l'esistenza di molti pad dedicati ai videogiocatori con disabilità, descritti su Everyeye in un ricco speciale a firma del nostro Alessandro Bruni.

Quanto è interessante?
5