Xbox Game Pass non danneggia gli sviluppatori: 'costi recuperati al Day One'

Xbox Game Pass non danneggia gli sviluppatori: 'costi recuperati al Day One'
di

Di recente, hanno fatto notizia le forti critiche di Ed Fries a Xbox Game Pass, giudicato "dannoso" per il futuro dell'industria internazionale del videogioco.

Alle parole del co-creatore di Xbox, ha rapidamente fatto seguito una pungente replica da parte di Microsoft, ma non solo. Anche molte software house indipendenti o piccoli publisher hanno voluto contestare la visione per la quale Xbox Game Pass sarebbe "dannoso per gli sviluppatori". Mike Rose, ai vertici del publisher No More Robots (Spirittea, Not Tonight, Descenders, Yes, Your Grace), ha in particolare espresso la propria visione tramite il proprio account Twitter.

Con i sintetici cinguettii che potete trovare in calce a questa news, il dirigente ha acceso i riflettori sulle entrate sicure che Xbox Game Pass garantisce ai piccoli team di sviluppo. Con il modello di distribuzione tradizionale, spiega Mike Rose, gli autori realizzano un videogioco, e poi sperano che le vendite siano sufficienti per rientrare dei costi di sviluppo e marketing e generare qualche profitto. Con il servizio di abbonamento, invece, gli accordi con Microsoft garantiscono il rientro delle spese sostenute sin dal Day One, con ogni altra entrata che rappresenterà automaticamente un profitto.

Un approccio giudicato dall'addetto ai lavori come assolutamente positivo, e in grado di aiutare concretamente molte software house ogni mese.

Quanto è interessante?
7