di

Con l'esordio di Xbox Series S e Xbox Series X, Microsoft ha dimostrato di avere particolarmente caro il concetto di "generazioni" interconnesse, non solo grazie al supporto convinto alla retrocompatibilità, ma anche tramite iniziative volte a unire diverse generazioni di gaming navigati...e non.

Nel solo Regno Unito, sono oltre 200.000 le persone anziane che vedono trascorrere periodi di un'intera settimana senza avere la possibilità di dialogare con un altro essere umano. Un grave problema sociale, con condizioni di solitudine che hanno inevitabilmente effetti sulla salute psichica e sul benessere emotivo dei soggetti coinvolti. Per accendere i riflettori su questa situazione, aggravatisi inevitabilmente anche in seguito al persistere della crisi sanitaria globale, Microsoft ha realizzato una partnership con Age UK, una ONG britannica che da anni si occupa di questa importante tematica.

"Xbox: Beyond Generations" ("Xbox: oltre le generazioni") è il nome scelto dal colosso videoludico per l'iniziativa, che ha visto protagonisti nonni e nipoti lontani. Per (ri)connettere i membri della famiglia, è stato sfruttato il potere unificante dell'attività videoludica, che ha visto impegnati giovani e anziani in un'esperienza di crescita, maturazione e condivisione. Tra i protagonisti, troviamo la signora Mary e il giovane Jason, che hanno visto il proprio rapporto completamente trasformato nel giro di 4 settimane, grazie a console Xbox e a titoli quali Minecraft e Sea of Thieves. Direttamente in apertura a questa news, potete visionare il trailer dedicato alla loro storia.

Per favorire la condivisione della passione per il gaming, Microsoft ha creato dei Reboxing Kit per Xbox, disponibili sulla pagina dell'iniziativa Xbox: Beyond Generations. Con questi ultimi, si invitano i giocatori a confezionare e donare console inutilizzate per condividere il gaming con una persona cara.

FONTE: Microsoft
Quanto è interessante?
9