di

Dopo aver narrato la storia del cane Rufus nell'esilarante spot natalizio di Xbox, Microsoft confeziona un nuovo video per celebrare l'amore che accomuna le diverse generazioni di videogiocatori prendendo spunto dalla toccante amicizia tra nonna Mary e suo nipote Jason.

Il tema trattato dalla casa di Redmond con questo nuovo filmato promozionale sensibilizza l'opinione pubblica sul determinante ruolo che i videogiochi possono avere nell'unire persone distanti, sia dal punto di vista geografico che prettamente anagrafico.

Lo spot descrive la famiglia di piattaforme Xbox come uno strumento che "va oltre le generazioni" e che consente a tutti di accedere alla dimensione videoludica che si desidera senza alcuna preclusione di sorta, il tutto nell'ottica della strategia di Microsoft sintetizzata nella frase che spiega come "quando tutti giocano, vinciamo tutti".

Il filmato, nella fattispecie, spiega come la solitudine sia diventata un grosso problema tra le generazioni più anziane, soprattutto in questo difficile periodo di distanziamento sociale dettato dalla necessità di arginare la pandemia da COVID-19. Per Microsoft, infatti, "questa solitudine non ti fa sentire solo isolato dal resto del mondo, ma provoca anche un grave impatto sulla salute e sul benessere mentale. Eccovi perciò la storia di Mary e Jason: Mary e suo nipote vivono lontani e non si sono mai veramente conosciuti. Segui perciò il loro viaggio e scopri come una Xbox li abbia aiutati a colmare il divario, permettendo loro di connettersi e conoscersi attraverso il gioco".

Quanto è interessante?
12