di

Nella giornata che segna la fine dell'embargo per Xbox Series X la rete pullula di filmati, analisi e dimostrazioni sulle capacità della nuova console Microsoft. Non poteva mancare l'approfondimento di Digital Foundry che mostra tutte le "magie" della retrocompatibilità.

Come sottolineato dai famosi tecnici britannici, la "Compatibility Mode" di Xbox Series X è in grado di sfruttare tutta la potenza della console impegnando gli otto core a disposizione della CPU ed esprimendo per intero i 12 teraFLOPs di cui tanto si è parlato. Tuttavia per le funzioni di retrocompatibilità la nuova arrivata Microsoft non mette in campo nessuna delle tecnologie legate all'architettura RDNA2, i cui vantaggi si vedranno quindi con i giochi next-gen (e con quelli che riceveranno un'apposita patch).

Tra i giochi retrocompatibili testati da Digital Foundry spiccano DOOM Eternal, Call of Duty Modern Warfare, Rise of the Tomb Raider, Final Fantasy 15 e Monster Hunter World. In tutti i casi Xbox Series X è stata in grado di sostenere pienamente i 60 fps laddove Xbox One X arrivava a 30, eliminando in molti casi ogni tipo di artefatto grafico e velocizzando in maniera sostanziale tutti i caricamenti.

Nella giornata di oggi la console di casa Redmond è stata analizzata nel dettaglio a partire dai tempi di accensione ai caricamenti di vari giochi. Si mormora poi che il nuovo trailer di Hellblade 2: Senua's Saga possa arrivare in tempi brevi.

FONTE: eurogamer
Quanto è interessante?
16