di

A margine delle prove della stampa di settore su come funziona la retrocompatibilità di Xbox Series X, Microsoft approfondisce l'argomento con il resoconto degli sforzi profusi per migliorare la qualità e le prestazioni dei giochi di questa e delle passate generazioni su Xbox Series X ed S.

La programmatrice a capo del team interno a Microsoft deputato alla realizzazione della retrocompatibilità delle piattaforme Xbox, Peggy Lo, spiega che l'azienda statunitense ha impiegato più di 500.000 ore lavorative per garantire la più ampia compatibilità e tutti i miglioramenti tecnologici a cui assisteremo su Xbox Series X ed S.

Tra le nuove funzioni accessibili tramite la retrocompatibilità evoluta delle console nextgen di Microsoft, Lo cita ad esempio il sistema Auto HDR di Xbox Series X ed S che promette di integrare l'High Dynamic Range nei titoli che ne sono sprovvisti. Grazie alla maggiore potenza offerta dalla CPU, dalla memoria RAM, dalla GPU e dall'SSD customizzato di XSX e XSS, la casa di Redmond punta a raddoppiare il framerate in una selezione di videogiochi di questa e delle passate generazioni. Il video della tech demo di Fallout 4 a 60fps confezionata da Microsoft ci permette di intuire i benefici promessi da questa tecnica.

La dirigente del colosso statunitense sottolinea poi le migliorie garantite dal metodo Heutchy, già adottato su Xbox One X, per aumentare la risoluzione dei videogiochi Xbox 360 e della prima Xbox. Su Series X e Series S, inoltre, verrà implementato un filtro per le texture ancora più evoluto, in aggiunta a un filtro anisotropico 16X.

FONTE: Xbox Wire
Quanto è interessante?
13
Xbox Series XXbox Series X