Xbox Series X, Spencer rifiuta la console war: superare Sony o Nintendo non è l'obiettivo

Xbox Series X, Spencer rifiuta la console war: superare Sony o Nintendo non è l'obiettivo
di

Mentre si continua a discutere di quello che potrebbe essere il prezzo di Xbox Series X, giungono interessanti considerazioni sulla strategia di lungo periodo adottata da Microsoft per consolidare la propria presenza nel mercato videoludico.

Ad averne discusso di recente è Phil Spencer, responsabile della divisione gaming della Casa di Redmond e volto dell'universo Xbox. In un contesto alquanto peculiare, ovvero un talk show digitale tenuto da Gary Whitta - sceneggiatore di Rogue One: A Star Wars Story - nel mondo di Animal Crossing: New Horizons, il dirigente ha condiviso molte informazioni, tra cui la conferma che Xbox Series X è pronta per il lancio, previsto per il mese di novembre.

In aggiunta, Phil Spencer è voluto tornare sul tema della cosiddetta "Console War", una visione del mercato videoludico che Microsoft non condivide. "Vogliamo che le persone si sentano parte di Xbox. - ha affermato il dirigente verdecrociato - Una membership che non è legata ad un unico device, ma che può avere a che fare con molteplici strumenti. Io voglio avere un'esperienza grandiosa utilizzando la TV e sono certo che Xbox Series X la offrirà e sono incredibilmente entusiasta della line up di giochi che stiamo assemblando, ma è una differenza fondamentale rispetto alla tradizionale 'console war' di cui parlano le persone. Quante console vendiamo rispetto a quante console vende un'altra compagnia, - Sony o Nintendo o altre - questo non è il nostro approccio. Se lo fosse, non metteremmo i nostri giochi a disposizione su PC, non li metteremmo su Xbox One, non lavoreremmo a xCloud e non permetteremmo alle persone di giocare sui propri smartphone".

Una visione, quella di Microsoft, che punta a differenziare la propria proposta videoludica, senza focalizzarsi esclusivamente sul comparto console in senso stretto.

Quanto è interessante?
19